Per dire NO all’uso del (combustibile derivato dai rifiuti) come combustibile nei cementifici basterebbe considerare che la legislazione USA obbliga i cementieri a indicare sul contenitore se il , in esso contenuto, deriva o no dallo smaltimento di rifiuti.


Infatti, il ottenuto con il co-incenerimento di e combustibile fossile, diventa pericoloso per la salute a causa dei rilasci dei manufatti con esso realizzati (vedasi il caso del cromo esavalente nel sangue dei lavoratori del tunnel della Manica).





Inoltre, i cementifici hanno limiti di concentrazioni di inquinanti, autorizzati allo scarico in atmosfera, superiori rispetto agli inceneritori pur avendo un flusso di emissioni maggiore.




Alle associazioni , , Isola Pulita, Rifiuti Zero Palermo e basta  quanto sopra per dichiararsi assolutamente contrarie a ogni forma di co-incenerimento, anche temporaneo.




Al posto della combustione del si propongono i trattamenti a freddo, come TMB o la produzione di sabbia sintetica tipo Vedelago, realizzando così, senza inquinare e senza effetto serra, recupero di materia o non di energia.




Dietro l’angolo ci sono i cementieri di Isola delle Femmine, Porto Empedocle, Ragusa, Catania e di Priolo, che aspettano l’autorizzazione del co-incenerimento del : questo non lo permetteremo e ci opporremo con ogni mezzo democratico contro il tentativo di bruciare nei cementifici.


Caricato da isolapulita. - I nuovi video di oggi.

Altro elemento di distorsione nel funzionamento delle società d'ambito concerne la frequente e pressoché sistematica elusione delle regole di evidenza pubblica nella scelta delle imprese cui affidare i lavori, imprese spesso prive dei necessari requisiti di professionalità, caratterizzate da assunzioni clientelari, che in molti casi, come accertato dalla Commissione, hanno riguardato individui con pregiudizi penali, o legati da rapporti di parentela con soggetti pregiudicati.Le criticità di ordine economico finanziario degli ATO hanno quindi avuto ricadute gravissime nella gestione del ciclo dei rifiuti nella regione siciliana, contribuendo a determinare situazioni di altrettanto grave pregiudizio per la salubrità dell'ambiente e, quindi, la salute dei cittadini.
Relazione Commissione Parlamentare sui Rifiuti in Sicilia 6/10/10





venerdì 28 settembre 2012

schema ed autorizzazione alla sottoscrizione atto di transazione per acquisto area ex discarica in contrada Rizza-Zercate Caro Signor "Sindaco" Prof Gaspare Portobello: ATTO DI QUERELA DEL SINDACO DI ISOLA DELLE PROFESS...

Approvazione schema ed autorizzazione alla sottoscrizione atto di transazione per acquisto area ex discarica in contrada Rizza-Zercate
Atto numero 67  del 28-09-2012
Tipo di Atto: DELIBERA DI GIUNTA

Allegato: DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N.67.pdf (74 kb) File con estensione pdf


COMUNE DI ISOLA DELLE FEMMINE

Provincia di Palermo

COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

N. 67 DEL 28/09/2012
IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE
Oggetto:  Approvazione schema ed autorizzazione alla sottoscrizione atto di transazione per acquisto area ex discarica in contrada Rizza-Zercate
                   L’anno 2012 e questo giorno 28 del mese di settembre, alle ore 11.30 nella sala delle adunanze della Sede Comunale si è riunita la Giunta Comunale convocata nelle forme di legge.
                   Presiede l’adunanza PORTOBELLO Prof. GASPARE, nella sua qualità di SINDACO e sono rispettivamente presenti ed assenti i Sigg.:
Presenti:
PALAZZOTTO Sig. SALVATORE Vice Sindaco
RISO Prof. NAPOLEONE Assessore
AIELLO Sig. PAOLO Assessore Anziano
PORTOBELLO Prof. GASPARE Sindaco
Assenti:
CUTINO Dott. MARCELLO Assessore
Totale Presenti:        4 Totale Assenti: 1

con l’assistenza del Segretario Comunale, SCAFIDI Dott. MANLIO

Il Presidente, constatato che gli interventi sono in numero legale, dichiara aperta la riunione ed invita i convocati a deliberare sull’oggetto sopraindicato.

Il Responsabile del Settore V Arch. Sandro D’Arpa, sottopone all’approvazione della Giunta Comunale la seguente proposta di deliberazione:

“Approvazione schema ed autorizzazione alla sottoscrizione atto di transazione per acquisto area ex discarica in contrada Rizza-Zercate”.

Premesso che:

ı il Tribunale di Palermo - 1^ Sez. Civile, con sentenza n. 2492/95, passata in giudicato, ha condannato in solido i Comuni di Capaci e Isola delle Femmine ad eseguire le opere di bonifica volte a rimettere in pristino il terreno di proprietà dei sig. Franca, Paolo e Lucio Rizzuti, sito nel Comune di Capaci in Contrada Rizza-Zercati iscritto al Catasto foglio n. 7 particelle 22,23 e 26, opere consistenti nella rimozione e nell’allontanamento dei rifiuti attraverso lo scavo del materiale accumulato, stimato dal C.T.U. in circa 32.000 m3 ed il suo trasporto a discarica e successiva sistemazione dell’area; ı successivamente i proprietari dell’area in oggetto hanno intimato alle due amministrazioni comunali a dare esecuzione alla sentenza prima con atto di precetto del 30/05/1996 e successivamente con atto di messa in mora del 24 e 25 luglio 1997; ı a seguito di apposito ricorso dei proprietari la 1^ Sezione del TAR di Palermo con sentenza n. 884 del 12/05/1998 ha assegnato ai due Comuni un termine massimo di dodici mesi per adottare le determinazioni necessarie per dare esecuzione alla sentenza n. 2492/95, individuando il Vice Prefetto di Palermo, o suo funzionario, quale commissario ad acta per il caso di ulteriore inadempienza dei due enti condannati all’esecuzione; ı in data 23/9/1999, scaduto infruttuosamente il termine assegnato dal TAR, in quanto le amministrazioni comunali non avevano alla data ottemperato a quanto prescritto dalla citata sentenza, si è insediato il commissario ad acta, dott. Salvatore Caccamo, nominato dal Prefetto di Palermo con decreto n. 9910189/gab. del 30/7/99 per l’esecuzione del giudicato; ı con nota prot. 4720 del 05/4/2001 il Comune di Capaci ha trasmesso alla presidenza della Regione Siciliana la scheda di censimento dei siti potenzialmente inquinati ai sensi dell’art. 17 comma 12 del D.Lgs. 22/97 indicando quale sito l’area oggetto della controversia e del giudicato; ı il Commissario ad Acta, preso atto della volontà manifestata dai proprietari del terreno di insistere e non rinunciare all’esecuzione della sentenza e della esiguità delle risorse finanziarie dei comuni di Capaci ed Isola delle Femmine, con nota prot. 7850 del 10/05/2001, ha inoltrato al Commissario Regionale Delegato per l’Emergenza Rifiuti in Sicilia una richiesta di finanziamento per la copertura delle spese di realizzazione dell’intervento di bonifica ordinato dal giudice civile per l’area in questione, richiesta ribadita con nota prot. 2988 del 08/03/2002, a seguito della redazione del progetto preliminare, giusto incarico conferito al professionista esterno, arch. Antonella Nobile, dallo stesso Commissario con propria deliberazione n. 1 del 21/12/2001, e che nel progetto di massima per la bonifica di detta area ha quantificato in € 1.557.000,00 la spesa presunta per l’esecuzione dell’intervento previsto e consistente, previo ripristino della strada di accesso all’ex discarica in prosecuzione della via Zercate, nella rimozione dei differenti rifiuti da conferire separatamente in funzione della diversa frazione merceologica e sistemazione dell’area mediante riporto di terreno, già concimato; ı la suddetta Struttura Commissariale l’Emergenza Rifiuti in Sicilia, con nota prot. 12238 del 14/6/2008, ha richiesto al Comune di Capaci di predisporre una relazione per descrivere gli interventi preordinati alla messa in sicurezza, a partire dall’acquisizione dell’area, dall’esecuzione delle indagini e dei sondaggi, nonché degli interventi strutturali previsti per rendere disponibili i dati e gli elementi necessari a definire gli interventi di messa in sicurezza permanente o di bonifica evidenziando, nella stessa nota, che gli interventi di messa in sicurezza d’emergenza possono essere finanziati con le risorse del POR Sicilia 2000/2006, nel rispetto della normativa del settore; ı i Comuni di Isola delle Femmine e Capaci hanno intrapreso, pertanto, delle trattative con i proprietari dell’area in questione per addivenire alla cessione bonaria del bene, concordando un prezzo di cessione stimato in via transattiva in € 120.000,00 (centoventimila/00), da suddividere in parti uguali tra i due enti tenuti all’esecuzione della sentenza sopra citata; ı le suddette trattative, dapprima interrotte a seguito dell’adozione della deliberazione n. 40/2004 da parte del Consiglio Comunale di Capaci e del conseguente ricorso al TAR avverso tale deliberazione da parte dei proprietari dell’area in questione e poi nuovamente intraprese e concordate con i proprietari del terreno con nota del 29/5/2006, confermata con nota del 14/9/2006, sono poi state definitivamente interrotte dai suddetti proprietari con nota del 4/6/2008 assunta al protocollo comunale al n. 11370 del 10/6/2008; ı nelle more della definizione dell’iter istruttorio attivato dall’Agenzia Regionale per i Rifiuti e le Acque, con nota prot. 47717 del 24/04/2008 la Provincia Regionale di Palermo, da sopralluogo effettuato, rappresentava l’assenza di problematiche relative alla stabilità del corpo dei rifiuti non concordando con la scelta progettuale di effettuare interventi drastici di MISE ed evidenziava, semmai, la necessità di procedere alla rimozione dei rifiuti di alcuni rifiuti rinvenuti nella strada di accesso all’ex discarica, il ripristino della recinzione per garantire l’inaccessibilità del sito e l’esecuzione delle indagini preliminari di cui all’art. 242 del D.Lgs. 152/06 al fine di valutare l’eventuale contaminazione in atto e/o pregressa del sito; ı con nota del 10/9/2010, assunta al protocollo del Comune di Capaci al n. 17740 del 15/9/10, i proprietari hanno riproposto una diffida a procedere all’immediata bonifica e rimessa in pristino del sito; ı con nota prot. 12273 del 23/6/2011, l’Area V del Comune di Capaci, al fine di dirimere incomprensioni ed equivoci, ha richiesto alla Prefettura di Palermo chiarimenti in merito alla eventuale decadenza o sostituzione del funzionario già nominato commissario ad acta; ı il Prefetto di Palermo, con proprio decreto del 10/6/2011, assunto al prot. 13153 del 06/07/2011, ha nominato Commissario ad acta, in sostituzione del Dott. Salvatore Cacciamo, il Dott. Antonino Oddo; ı con nota prot. 13645 del 12/07/2011 con la quale l’Assessorato Regionale dell’Energia e dei Servizi di Pubblica Utilità chiede la messa in sicurezza dell’area interessata e di effettuare una indagine preliminare alla caratterizzazione del sito; ı con nota prot. 71463/PC, è stata convocata da parte della Prefettura di Palermo per giorno 26/10/2011, una riunione presso la Sala della Protezione Civile inerente la problematica in oggetto dalle cui risultanze è emersa la necessità di procedere all’espletamento delle indagini preliminari di cui all’art. 242 del D.Lgs. 152/06 previa redazione di apposito piano con onere finanziario a carico dei due comuni in solido nonché di trasmettere all’Ufficio del Commissario Delegato per l’Emergenza Bonifica e Tutela delle Acque affinché detto ufficio provvedesse al finanziamento delle risorse necessarie per l’attuazione del suddetto piano per le indagini preliminari ı in esecuzione della determina del Sindaco del Comune di Capaci n. 61 del 28/10/2011, in data 25/11/11 il professionista incaricato dott. chimico Filippo Giglio ha trasmesso con nota assunta al protocollo comunale n. 23400, il suddetto piano per le indagini preliminari dell’area dell’ex discarica con allegato computo di massima dei costi per l’esecuzione delle indagini stimate in complessive € 58.550,00 oltre IVA; ı con nota del Comune di Capaci prot. 23624 del 28/11/11 e nota prot. 25553 del 21/12/11 il suddetto piano per le indagini preliminari è stato trasmesso rispettivamente al comune di Isola delle Femmine ed all’Ufficio del Commissario Delegato per l’Emergenza Bonifica e Tutela delle Acque per le attività di propria competenza; ı in esecuzione della nota prot. 2450 del 30/1/12, il funzionario responsabile dell’Area IV procedeva alla redazione di una perizia di stima del valore commerciale dell’area individuata alle part.lle 237, 232 e 235 del fg. 7 del N.C.T. del Comune di Capaci per un’estensione complessiva di 36.383 m2 in cui ricade l’ex discarica da cui si evince una valutazione complessiva di € 227.000,00; ı giusta convocazione del 07/2/12, in data 10/02/12 è stato svolto un incontro presso la Prefettura di Palermo dalle cui risultanze, riportate in apposito verbale allegato sottoscritto dal Vice Prefetto dott.  Oddo, dalla proprietà, dai rappresentati dei comuni di Isola delle Femmine e di Capaci, è emerso l’impegno all’acquisizione da parte del Comune di Capaci dell’area dell’ex discarica per un importo complessivo di € 110.000,00 con una partecipazione di € 30.000,00 a fondo perduto da parte del comune di Isola delle Femmine a favore del Comune di Capaci, oltre allo sgravio dei tributi ICI gravanti su detto terreno sino alla data della cessione ed all’impegno al perfezionamento delle procedure e degli interventi individuati dall’ARPA con nota prot. 33176 del 26/5/11; ı giusta convocazione del 07/6/12, in data 14/06/12 è stato svolto una riunione presso l’Ufficio del Commissario Delegato per l’Emergenza Bonifica e Tutela delle Acque dalle cui risultanze, riportate in apposito verbale protocollato in data 26/6/12 con n. prot. 3557 U.O. 3B dell’Ufficio del Commissario Delegato per l’Emergenza Bonifica e Tutela delle Acque, è emerso la disponibilità da parte del Dipartimento Regionale Acqua e Rifiuti dell’Ass.to all’Energia e dei Servizi di Pubblica Utilità all’ammissione al finanziamento con fondi comunitari PO-FESR del progetto per l’esecuzione delle opere di messa in sicurezza di emergenza previa trasmissione dell’istanza di finanziamento con allegato progetto preliminare e copia del titolo di proprietà dell’area; ravvisata la necessità di provvedere alla definizione della controversia in essere mediante l’acquisizione dell’area entro i termini previsti dall’accordo sottoscritto presso la Prefettura di Palermo il 10/02/12 trascorsi i quali i Comuni di Capaci e di Isola delle Femmine dovranno corrispondere una penale di € 10.000,00 da ripartire al 50% per ciascun Ente Locale; visto lo schema di atto transattivo per l’acquisizione dell’area individuata alle part.lle 237, 232 e 235 del fg. 7 del N.C.T. del Comune di Capaci secondo gli elementi ed i termini convenuti nella riunione del 10/02/12 presso la Prefettura di Palermo; considerato che lo strumento finanziario per l’anno 2012 è in corso di redazione; visto il vigente regolamento comunale degli Uffici e dei Servizi; visto il vigente O.R.EE.LL.;

PROPONE DI DELIBERARE

di prendere atto delle risultanze dei verbali della riunione del 10/02/2012 presso la Prefettura di Palermo e della riunione del 14/06/12 presso l’Ufficio del Commissario Delegato per l’Emergenza Bonifica e Tutela delle Acque.  di approvare lo schema di atto transattivo allegato alla presente per l’acquisto dell’area interessata dall’ex discarica sita in c.da Rizza-Zercate iscritta al N.C.T. di Capaci al fg. 7 particelle 237, 232 e 235, il cui testo fa costituisce integrante della presente proposta; di autorizzare e delegare il Funzionario Responsabile del Settore V del Comune di Isola delle Femmine a sottoscrivere il richiamato atto transattivo con i proprietari dell’area in questione e con il Comune di Capaci ed all’espletamento degli atti gestionali e conseguenti e consequenziali; di trasmettere al responsabile del settore finanziario la presente deliberazione per provvedere alla previsione di copertura finanziaria per l’importo complessivo € 30.000,00 a fondo perduto a favore del Comune di Capaci, per l’esecuzione dell’acquisto dell’area de qua nel redigendo strumento per l’esercizio finanziario anno 2012; dare atto che si procederà al successivo impegno finanziario ed alla sottoscrizione dell’atto transattivo; dare mandato alla Segreteria Generale di procedere alla trasmissione del presente provvedimento al Comune di Capaci; di dichiarare il presente atto immediatamente esecutivo stante l’urgenza di provvedere.  Vista la superiore proposta del responsabile del V Settore si esprime parere favorevole in ordine alla regolarità tecnica.
Il Responsabile del settore V
Arch. Sandro D’Arpa
LA GIUNTA MUNICIPALE
Vista la superiore proposta di deliberazione corredata dai pareri resi favorevoli;
Con la seguente votazione unanime espressa per alzata di mano oppure mediante schede segrete
DELIBERA
Di approvare la superiore proposta di deliberazione e con la seguente separata votazione
DELIBERA

Di dare all’atto immediata eseguibilità.







Caro Signor "Sindaco" Prof Gaspare Portobello: ATTO DI QUERELA DEL SINDACO DI ISOLA DELLE PROFESS...: ATTO DI QUERELA DEL SINDACO DI ISOLA DELLE PROFESSORE GASPARE PORTOBELLO NEI CONFRONTI DEL BLOGGER GIUSEPPE CIAMPOLILLO PER L’ARTICOLO “L...

ARPA, BONIFICA, CACCIAMO, Capaci, CUTINO, DISCARICA RIFIUTI RIZZA ZERCATE, GIGLIO, ISOLA DELLE FEMMINE, ODDO, PALazzotto, PORTOBELLO, RISO,AIELLO,Prefetto, RIZZUTI, TAR PA 884 98, TRIB CIV PA SENTENZA 2492 95,

Caro Signor "Sindaco" Prof Gaspare Portobello: ATTO DI QUERELA DEL SINDACO DI ISOLA DELLE PROFESS...: ATTO DI QUERELA DEL SINDACO DI ISOLA DELLE PROFESSORE GASPARE PORTOBELLO NEI CONFRONTI DEL BLOGGER GIUSEPPE CIAMPOLILLO PER L’ARTICOLO “L...

Fisco Legalità e Democrazia: Mauriziotto, comandante e dj Conflitto di interes...

Fisco Legalità e Democrazia: Mauriziotto, comandante e dj Conflitto di interes...: Mauriziotto, comandante e dj  Conflitto di interessi? Giovedì 27 Settembre 2012 - 20:45  di   Riccardo Lo Verso Il titola...

giovedì 27 settembre 2012

Angelo Vassallo: ATTO DI QUERELA DEL SINDACO DI ISOLA DELLE PROFESS...

Angelo Vassallo: ATTO DI QUERELA DEL SINDACO DI ISOLA DELLE PROFESS...: Atto Di Querela Del Sindaco Di Isola Delle Professore Gaspare Portobello Nei Confronti Del Blogger Giuseppe... GLI ULTIMI AVVENIMENTI D...

ATO PA 1 2012 Liquidazione del corrispettivo dovuto alla Servizi Comunali Integrati R.S.U. s.p.a. per la gestione integrata dei rifiuti nel mese di AGOSTO 2012determina 5 settore n.79




Liquidazione del corrispettivo dovuto alla Servizi Comunali Integrati R.S.U. s.p.a. per la gestione integrata dei rifiuti nel mese di marzo 2011 - Acconto sull'importo per l'anno 2011.
Tipo di informazione: Atti Pubblici
Data: 10/05/2011


Ulteriore impegno di spesa e liquidazione del corrispettivo dovuto alla Servizi Comunali Integrati R.S.U. s.p.a. relativo all'accordo presso l'Assessorato dell'energia dicembre 2011
Tipo di informazione: Atti Pubblici
Data: 19/01/2012

PIANO DI GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI

ALLEGATI



SCHEMI ED ATTI COSTITUZIONE S.R.R. RIFIUTI REGIONE SICILIA LUGLIO 2012
SCHEMA DI DELIBERA - ATTO DI COSTITUZIONE SOCIETÀ CONSORTILE PER AZIONI, DENOMINATA SOCIETÀ PER LA REGOLAMENTAZIONE DEL SERVIZIO DI GESTIONE RIFIUTI A.T.O
Adobe Portable Document Format (PDF) SCHEMA DI DELIBERA (Dimensione documento: 112026 bytes)
SCHEMA DI DELIBERA - MODIFICA PER I COMUNI DELLE PROV. DI PALERMO CATANIA TRAPANI AGRIGENTO CALTANISSETTA E MESSINA , CHE HANNO GIà DELIBERATO IN CONSIGLIO LA COSTITUZIONE DELLA S.R.R. PRIMA DEL 06 Luglio 2012
 Microsoft Word SCHEMA DI DELIBERA (Dimensione documento: 39424 bytes)
http://pti.regione.sicilia.it/portal/page/portal/PIR_PORTALE/PIR_LaStrutturaRegionale/PIR_AssEnergia/PIR_Dipartimentodellacquaedeirifiuti/PIR_FAQDAR/PIR_LRn9CostituzioneSocietaperazioniSRR/PIR_schemi_atti